MyLemon MyLEMON Creativity & Strategic Communication - www.mylemon.it
MyLEMON

DON’T DREAM YOUR LIFE…

LIVE YOUR DREAMS

PrintFriendly

INDICE ARTICOLI|||>>pag.3

—————————————————————————————————————————————————————————————————– —————————————————————————————————————————————————————————————————–

“LE FRASI CHE… MIGLIORANO IL MONDO”


a cura di
Mr. MyLEMON

“DATO CHE NON PENSEREMO MAI NELLO STESSO MODO E VEDREMO LA VERITÀ PER FRAMMENTI E DA DIVERSI ANGOLI DI VISUALE, LA REGOLA DELLA NOSTRA CONDOTTA É LA TOLLERANZA RECIPROCA” (Mohandas Gandhi)

………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————- —————————————————————————————————————————————————————————————————– —————————————————————————————————————————————————————————————————–

LA SCUOLA E LE NUOVE GENERAZIONI


a cura di
Luca Lobina

In un tempo dove la tecnologia e le nuove generazioni corrono verso un’evoluzione sempre più veloce e in costante salita, ritroviamo i nostri giovani a doversi rapportare malamente con le strutture che dovrebbero dare loro un’istruzione e una formazione adeguata per il lavoro e in alcuni casi anche per la vita sociale. Partendo dalle scuole medie (anche se già all’asilo si presentano grosse lacune nell’insegnamento e nella struttura). Siamo in una fase di transizione, la maggior parte dei professori, dei maestri e dei docenti si trova a dover insegnare in un mondo in costante evoluzione mentale

………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————- —————————————————————————————————————————————————————————————————– —————————————————————————————————————————————————————————————————–

LA FIABA DI BARBABLÙ: UNA POTENTE CHIAVE INIZIATICA PER OGNI DONNA

a cura di Elisabetta Polatti

Ho riletto la fiaba di Barbablù in un’ antica versione che mescola la tradizione francese alla slava avvalendomi delle preziose osservazioni di Clarissa Pinkola Estès. Il racconto mostra una sposa fanciulla che consente alle nozze affascinata dalle lusinghe e dai doni profusi dallo sposo, BARBABLÙ. Acconsente, dopo aver messo a tacere quei piccoli, ragionevoli dubbi sul futuro consorte, simboleggiati da quell’insolito colore blu della barba, che l’intuito le suggeriva strano.

………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————- —————————————————————————————————————————————————————————————————– —————————————————————————————————————————————————————————————————–

UGUAGLIANZA E LIBERTÁ

a cura di Mimmo Martinucci

Esiste davvero l’uguaglianza? E’ davvero augurabile che ci sia?

Il genere umano è unico nella sua molteplicità degli esseri che vissero e che vivranno e copre una gamma necessaria ed insostituibile nell’armonia universale. Ne deriva chiaro il concetto di uguaglianza, come noi la intendiamo: poiché tutti gli uomini tendono alla perfezione, ciascuno ha il diritto di cercare il proprio perfezionamento, con pari libertà e cioè con uguaglianza.

………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————- —————————————————————————————————————————————————————————————————–

IL LIBERO PENSATORE…

a cura di Luca Lobina

Il Libero Pensatore nasce,

cresce e si distingue dalla monotonia della massa

lui si eleva dell’antica conoscenza lui si nutre

e al suo Libero Pensiero lui s’affida

Il Libero Pensatore ispira il mondo

Il Libero Pensatore si domanda sempre

………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————- —————————————————————————————————————————————————————————————————–

IL FINE GIUSTIFICA I MEZZI? RIFLESSIONI SULL’ETICA


a cura di
Elisabetta Polatti

La deontologia il cui nome deriva dal greco “deon” che significa dovere, può essere intesa come l’insieme di teorie etiche che si contrappone al consequenzialismo. Mentre quest’ultimo determina la bontà delle azioni dai loro scopi, la deontologia afferma che fini e mezzi sono dipendenti gli uni dagli altri, il che significa che un fine giusto sarà il risultato dell’utilizzo di giusti mezzi.

………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————- —————————————————————————————————————————————————————————————————–

LA PROFEZIA DI CELESTINO


a cura di
Chiara D’amico

“[…] Chiunque attraversi il nostro cammino ha un messaggio per noi. Altrimenti avrebbe scelto un’altra strada o se ne sarebbe già andato. […]” A chi non crede alle coincidenze e alla loro importanza, questo libro non piacerà, ma chi crede troverà le giuste chiavi di lettura sulla loro importanza e sugli incontri casuali che si fanno durante la vita. “La profezia di Celestino” narra di un psicologo americano che, dopo l’incontro con la sua amica Charlene e dal suo racconto sulle illuminazioni, decide di partire per il Perù.

………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————- —————————————————————————————————————————————————————————————————–

DIGNITÁ


a cura di
Mimmo Martinucci

La mano appena tesa
e gli occhi sotto le tese di un cappello vecchio.
A pelle io avvertivo il suo silenzio
che urlava
per l’offesa di una antica dignità.

………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————- —————————————————————————————————————————————————————————————————–

I SOGNI


a cura di
Gioia Francisci

Il sogno ha proprietà terapeutiche. Il grande orto delle reminiscenze e dei desideri viene dissodato dai sogni, che scavano nel profondo inconscio dell’Io, fino alle radici della memoria collettiva, dove si sono formate tutte le immagini e le idee.

………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————- —————————————————————————————————————————————————————————————————–

COME DANZIAMO


a cura di
Alessandro Bertirotti

La nascita della cultura occidentale è frutto di una mentalità che ha trovato in Platone il suo fondatore. La sua logica, che potremmo definire disgiuntiva, pone la dualità tra anima e corpo. Essi sono sostanzialmente separati, e quando Platone si riferisce a qualcosa di sostanziale intende “una cosa che può esistere per se stessa, cioè senza il soccorso di nessun’altra sostanza”.

………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————- —————————————————————————————————————————————————————————————————–

RISCATTO


a cura di
Elisabetta Polatti

S’affollano intorno
uomini soli.
S’afferrano forti a cocci vaganti
Ansimando
corrono e vanno in corsi e ricorsi
e più in là deviano il corso

………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————- —————————————————————————————————————————————————————————————————–

APPELLO AL MONDO DAI DUE FIGLI DI SAKINEH


a cura di
Antonio Pisilli

“Non permettete che il nostro incubo diventi realtà. Protestate contro la lapidazione di nostra madre!!! Oggi abbiamo teso le nostre mani alla gente di tutto il Mondo…”
Siamo Fasride e Sajjad Mohamamadi Ashtiani, figli di Sakineh Mohammadi Ashtiani

.
………………………………………………………………………………………….
………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————- —————————————————————————————————————————————————————————————————–

I ROMANI POSSONO IMPARARE L’INGLESE AIUTANDO I CANI


a cura di
Maria Antonietta Sanna

Roma – Gli italiani vogliono imparare l’inglese ma è costoso. Il numero di cani abbandonati quest’anno è cresciuto del 9% ed il canile ha bisogno di soldi. Steven Riznyk, un avvocato statunitense per l’immigrazione e produttore cinematografico che vive a Roma e lavora negli Stati Uniti ha avuto una brillante idea che unirà entrambe le esigenze. Ha creato una scuola che insegna inglese colloquiale ai Romani a soli 5 euro per una lezione di 2 ore.

………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————- —————————————————————————————————————————————————————————————————–

LA FAMIGLIA WINSHAW


a cura di
Gioia Francisci

Quando l’ironia della sorte supera la soglia del reale, diventa difficile distinguere la vita dal romanzo.
La traccia iniziale descrive un’ importante famiglia inglese nel suo complesso riprodursi e trasformarsi in una tela di ragno che raccoglie e cattura chiunque incontri sul suo cammino verso il potere; i vari componenti di questa famiglia altolocata e le loro interazioni con tutti quelli che ritengono di usare a loro favore, fosse anche per eliminare un fratello scomodo.

………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————- —————————————————————————————————————————————————————————————————–

FIORE DI PRIMAVERA


a cura di
Fatima Prisco

Cammino, e la tua voce mi accompagna
mi copre una pioggia che non bagna
è il tuo essere così sincera
profumo di fiore di primavera.
Guarda Dio cosa ha creato,
della dolcezza non si è dimenticato

………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————- —————————————————————————————————————————————————————————————————–

LA VITA…

a cura di Annalaura Pisilli

La vita…
…un lungo cammino doloroso,
tortuoso,
pieno di insidie…
un continuo lottare
contro sè stessi e contro gli altri…

………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————- —————————————————————————————————————————————————————————————————–

VIAGGIARE: COME, QUANDO, PERCHÉ

a cura di Elisabetta Polatti

Viaggiare e ristare, due momenti che sempre hanno contraddistinto la vita dell’uomo nel suo mediare bisogno e natura.

Si è viaggiato per necessità, per disperazione, per diletto. Abbiamo assistito all’ esodo di intere popolazioni che, spinte dal bisogno o costrette da calamità, si sono avventurate in terre sconosciute per trovare e costruire una nuova casa.

Il popolo biblico ha intrapreso il viaggio per la terra promessa sospinto e guidato da una voce interiore alla ricerca del porto cui tendeva la sua anima.
………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————- —————————————————————————————————————————————————————————————————–

AD UN PASSO DA ME

a cura di Chiara D’Amico

“Ad un passo da me” è la prima esperienza narrativa di Tommaso Occhiogrosso, giovane scrittore emergente pugliese. E’ un romanzo ben scritto.

Il testo ruota attorno a Berto, un giovane infermiere che non vive affatto la sua vita; ma la vive male, curandosi solo di ciò che possono pensare le persone di lui, quelle che incontra per la strada, o al bar, o nei negozi.


………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————- —————————————————————————————————————————————————————————————————–

VECCHIA ISTANTANEA…

a cura di Elisabetta Polatti

Riaffiora
questa sera più chiaro
il ricordo
E ritrovi sfiorando
leggero
nel solco di rughe ingiallite

………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————- —————————————————————————————————————————————————————————————————–

RELIGIONE: PERCHÉ NON SI ISTRUISCONO I RAGAZZI SU TUTTE LE RELIGIONI ?

a cura di Luca Lobina

Perché un ragazzo o una ragazza che crescono in un determinato luogo devono necessariamente essere iniziati ad una religione solo perché viene considerata religione di Stato?

Non sarebbe più giusto fornire la conoscenza della storia delle religioni in maniera abbastanza NEUTRALE e di ognuna di esse le fondamenta per poi fare scegliere Liberamente, una volta maturata l’idea in base a quella che uno sente più sua, la religione da seguire ammesso che ne voglia seguire una?


………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…)
—————————————————————————————————————————————————————————————————- —————————————————————————————————————————————————————————————————–

SI PUÒ TACERE

a cura di Alessandro Bertirotti

Circa cinquant’anni fa, Noam Chomsky, lo scienziato certamente più citato nell’intero dopoguerra, teorico della grammatica generativa, suggeriva di ignorare i problemi circa la nascita del linguaggio e di quali fossero i suoi meccanismi cerebrali, perché essi si situavano ben oltre la possibilità di una seria indagine scientifica. Invece, oggi, le questioni dell’origine del linguaggio e di come il cervello controlli la parola, sono considerati i più grandi temi neuroscientifici. La nostra specie possiede un dono che nessun altro essere vivente conosciuto possiede, ossia un linguaggio con una complessa sintassi e una ricca semantica che possono continuamente arricchirsi.


………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…)

—————————————————————————————————————————————————————————————————- —————————————————————————————————————————————————————————————————–

LA TENTAZIONE

a cura di Angela Natale

Il sinuoso pensiero strisciante
dell’impronunziabile desiderio agognante
dà forma al serpente con mossa elegante;
lo asconde nel sottobosco umidiccio
sotto le foglie secche miste a terriccio,
e dell’odore pungente s’alimenta capriccio.

………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————– —————————————————————————————————————————————————————————————————–

SORELLA

a cura di Elisabetta Polatti

Lontana da casa
ti ritrovo
da sempre sorella
nei travagli di donna.
Veli col chador
l’ antico pudore
ma il sorriso traspare…

………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————– —————————————————————————————————————————————————————————————————–

STORIA E MISTERI DEI COLORI

a cura di Caterina Armentano

Immergerci nei colori sembra la cosa più naturale del mondo.
Ci sorprendono, ci accompagnano, ci abbracciano, li mangiamo, annusiamo, viviamo senza però avere la consapevolezza che essi hanno una storia alquanto interessante e che la loro evoluzione, mutazione, scoperta ha cambiato la vita dell’uomo in quanto essi ne condizionano il benessere psico-fisico.
La prima vera e propria scoperta la dobbiamo a Isaac Newton, fisico inglese che nel 1672, con l’ausilio di un semplice prisma catturò i sette colori e rese all’umanità la consapevolezza della luce che ci circonda.

………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————– —————————————————————————————————————————————————————————————————–

LA “GENERAZIONE PERDUTA”…

a cura di David Incamicia

Mi capita spesso di girovagare per il web alla ricerca di fatti, commenti, opinioni che possano riguardare l’attuale e difficile momento della nostra amata Italia.

Del resto, come non essere curiosi di ciò che pensano di noi, ad esempio, gli osservatori stranieri, specie alla luce delle recenti rilevazioni dei vari istituti di ricerca sullo stato di salute economica e sociale del nostro Paese?

E così, gira che ti rigira, mi sono imbattuto l’altra sera in un interessante ritratto tracciato dal sito francese lexpress.fr sulla condizione dei giovani italiani.

………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————– —————————————————————————————————————————————————————————————————–

MONZA DELLE DELIZIE. STORIA DI POTERI E MALAFFARE

a cura di Chiara D’Amico

“Monza delle delizie” è un noir ambientato a Monza che ha come protagonista il Vice Commissario Federico Marini, il quale dopo aver denunciato i fatti del G8 di Genova, viene trasferito da una città all’altra.

Arrivato a Monza da Lecco, si troverà ad indagare sul ritrovamento di un corpo in una casamatta, prossima alla demolizione, vicino alla stazione ferroviaria.

Investigherà sulla WW-LAB, una prestigiosa società informatica, che nasconde un losco intreccio tra il potere economico e la malavita organizzata.

………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————– —————————————————————————————————————————————————————————————————–

IL BAMBINO DI NOÉ

a cura di Gioia Francisci

La storia attraverso il vissuto personale di un bambino, casualmente ebreo per quel che lo riguarda, che viene mandato via da casa dai genitori con l’intento di metterlo in salvo.

Finisce insieme a molti altri ragazzini, ebrei e non, nell’ orfanotrofio diretto da Padre Pons, il collezionista dell’impossibile.

Siamo in Belgio, a Chemlay, nel tempo in cui la Germania nazista era dilagata occupando gran parte dell’Europa.

………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————– —————————————————————————————————————————————————————————————————–

BASILICATA: ISOLA FELIX. COSÍ SI MUORE COAST TO COAST…

a cura di David Incamicia

La Basilicata, regione orgogliosamente anonima rispetto ai meccanismi della criminalità organizzata e da sempre definita “Isola felix” nel contesto meridionale, assurge assai di rado alla ribalta delle cronache nazionali e per fatti assolutamente straordinari.

Così è stato, ad esempio, in occasione del tragico sisma del 1980 o per l’ancora attualissimo e triste caso di cronaca legato a Elisa Claps.

E’ una terra “di frontiera“, non del tutto affrancata dalle molteplici contraddizioni culturali mutuate dal proprio passato, tuttora protesa nella difficile ricerca di una completa emancipazione sociale ed economica, segnata dalle stigmate dello spopolamento e dell’emigrazione giovanile. Malgrado la Fiat, malgrado il petrolio.

………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————–

—————————————————————————————————————————————————————————————————–

IL RISVEGLIO

a cura di Luca Ferretti

Molti sentono una fresca energia che si diffonde tra le persone, che alimenta una nuova forza che stimola la ricerca del Senso della propria vita e del rapporto con sé stessi e gli altri.

Alcuni possono maggiormente osservare la preoccupazione ed il disagio che costringono a cambiare abitudini e pensieri che erano cristallizzati da tempo.

Vi sono molti aspetti della nostra realtà che stanno “spingendo” affinché in noi si vada ad innescare una scintilla che ci porterà ad una trasformazione del nostro modo di vivere.

Molti parlano di un ampio Risveglio delle Coscienze e dell’abbandono del torpore di una vita condotta superficialmente.

………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————–

—————————————————————————————————————————————————————————————————–

EROS CHE DIRE? É PUR SEMPRE UN’AVVENTURA

a cura di Elisabetta Polatti

L’innamoramento è forse uno dei più grandi misteri dell’uomo.

Ci si innamora ad ogni età, per un giorno, settimane, finanche per una vita intera, ad ogni latitudine e in ogni tempo.

Ma cos’è quella magia che improvvisa nasce da uno sguardo, da un gesto, da una parola fra due esseri che fino ad un attimo prima erano estranei l’uno all’altro, forse conoscenti, e li rende irresistibili ed unici l’uno agli occhi dell’altro?

………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————–

—————————————————————————————————————————————————————————————————–

DANLENUÀR

a cura di Chiara D’Amico

Questo libro è stato scritto da Giacomo Guarneri, attore ed autore per il teatro, dove affronta, in maniera diversa, il dramma della catastrofe mineraria di Marcinelle, Belgio.

Questo testo è un romanzo epistolare, basato su un botta e riposta tra il marito Antonio, operaio di miniera emigrato in Belgio, e la moglie Genoveffa, che aspetta le sue lettere in un paesino sperduto della Sicilia.

La storia ha inizio con una lettera…

………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————– —————————————————————————————————————————————————————————————————–

Lettera aperta di una madre:

LETTERA DI UNA MADRE AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO SILVIO BERLUSCONI

a cura di Marina Cometto

Gentilissimo Presidente del Consiglio Berlusconi,

Spero che Lei riesca di trovare 2 minuti da dedicare alla lettura di questa lettera che tocca un grande tema sociale ignorato spesso anche dalla politica: la disabilità.

Sono la mamma di una ragazza di 37 anni, Claudia, con gravissima disabilità. Mi rivolgo a Lei per esporLe le problematiche che vivono le famiglie con un figlio gravemente disabile. Non La voglio tediare elencando le varie limitazioni che mia figlia vive, e noi famiglia insieme a lei; credo sia sufficiente dirLe che non è in grado di fare alcuna azione volontaria e dipende in tutto e per tutto da noi genitori, anche per le azioni più intime e delicate.

………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————– —————————————————————————————————————————————————————————————————–

SIAMO DISABILI…NON SIAMO FATTI DI CARTA!!!

a cura di Mr. MyLEMON

Si è levato da Piazza Montecitorio un applauso liberatorio quando gli organizzatori hanno annunciato che entrambi gli obiettivi della mobilitazione sono stati centrati. I convenuti alla Manifestazione indetta da FAND e FISH hanno appreso pressoché in diretta che, nel testo approvato definitivamente dalla Commissione Bilancio del Senato, è scomparso qualsiasi riferimento restrittivo all’ indennità di accompagnamento. Che l’altro obiettivo fosse stato raggiunto era già noto da ieri sera: Azzollini, relatore di Maggioranza in Commissione Bilancio, aveva confermato l’abrogazione dell’innalzamento della percentuale di invalidità necessaria per l’assegno agli invalidi parziali. Si torna al 74%. È un risultato che premia l’azione di queste settimane

.………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…)

—————————————————————————————————————————————————————————————————– —————————————————————————————————————————————————————————————————–

Lettera aperta di una madre:

AMNESIA SOCIALE.L’ECONOMIA COME MARKETING E NON COME DEMOCRAZIA: LE INDENNITA’

a cura di Giovanna Portanova

I più fragili, i più deboli, la povera gente stanno pagando sulla propria pelle l’incapacità di un governo di equilibrare il bilancio, stanno pagando l’estratto conto di un parlamento con una forte amnesia sociale, che, per tentare di sanare il deficit economico dello stato, colpisce i più deboli: i disabili…  Togliere i pochi spiccioli dell’indennità di accompagnamento…piuttosto che ridimensionare le spese vertiginose: rimborsi e stipendi record per parlamentari e dipendenti di palazzo Madama. Meglio eliminare l’indennità di accompagnamento ad un disabile (480 euro al mese), che eliminare la loro diaria (4.003,11 euro mensile)…meglio lasciare la pensione di invalidità a 250 euro al mese…piuttosto che rinunciare al loro assegno di solidarietà, che è pari all’80 x 100 dell’importo mensile lordo per ogni anno di mandato effettivo.

………………………………………………………………………………………….(►leggi tutto l’articolo…) —————————————————————————————————————————————————————————————————–

PrintFriendly
  • PROMOZIONE